Stadia: perché la poposta di Google non convince - Evosmart.it | Games
Altre Piattaforme Curiosità Gaming

Stadia: perché la proposta di Google non convince

STIMA TEMPO DI LETTURA: 6 min

La diretta trasmessa su Youtube avrebbe dovuto convincere tutti del fatto che Stadia avrebbe rappresentato “il futuro”, ma così non è stato. Questo ovviamente dal mio personale punto di vista. No non sono un videogiocatore nostalgico, è ormai palese che il futuro passerà per la distribuzione in formato digitale sia essa in download che in streaming ed anzi in gran parte è già il presente.

Nonostante questo se all’inizio sembrava che Google avrebbe fatto irruzione sul mercato rompendo di fatto gli equilibri attuali, questo non succederà o almeno questa è la nostra impressione. In questo editoriale vi spiegheremo tutti gli aspetti che non ci hanno convinto appieno. Ovviamente non si tratta di un giudizio visto che il servizio deve ancora debuttare sul mercato.

Leggi anche: Google Stadia: ecco tutto quello che c’è da sapere


PARCO TITOLI

Google Stadia: ecco tutto quello che c'è da sapere - Evosmart.it | Games
Destiny 2 sarà il primo e unico gioco disponibile gratuitamente con l’abbonamento a Stadia Pro

Ovviamente non ci aspettavamo un parco titoli fin da subito immenso, ma forse nemmeno così risicato e privo di varietà. Sebbene non manchino titoli di richiamo molti di essi sono già disponibili da diversi mesi (nel caso di alcuni addirittura anni) su altre piattaforme. Ci sono però almeno un paio di titoli interessanti che sono stati svelati durante presentazione.

Baldur’s Gate 3 è un gioco sicuramente atteso per tutti i fan dei giochi di ruolo classici ma sarà disponibile anche su piattaforma PC. L’altro gioco annunciato, GYLT, sembra invece essere l’unico titolo destinato a debuttare esclusivamente su Stadia ma sinceramente ci sembra un po’ poco, per quanto il titolo sembri molto valido e affascinante, per convincere chi già possiede una console o un pc.

L’unico “bundle” previsto al momento per Stadia è Destiny 2, incluso per tutti coloro che aderiranno all’abbonamento Stadia Pro (l’unico piano tariffario disponibile al lancio). Ancora una volta non discutiamo la validità del gioco ma la scelta di Google. Destiny 2 vanta già una community molto vasta su scala globale, sebbene sarà possibile trasferire i propri dati di gioco (ma non da PS4 per ora), quanti saranno disponibili a fare questo passaggio? Inoltre i nuovi giocatori non potranno giocare con quelli presenti sulle altre piattaforme.

Per vedere la lista completa del parco titoli presente al lancio basta visitare il sito ufficiale Google o leggere il nostro precedente articolo.


PLAY ANYWHERE? Sì MA SOLO CON I PRODOTTI GOOGLE

Google Stadia: ecco tutto quello che c'è da sapere - Evosmart.it | Games
Sarà possibile giocare su Stadia ovunque? Non proprio

Al momento del lancio sarà possibile giocare su Stadia solamente tramite la Google Chromcast Ultra e gli ultimi smartphone Pixel dell’azienda. Ovviamente in futuro verranno aggiunti altri smartphone, ma quali e quando? Mentre invece la tanto sbandierata possibilità di giocare anche tramite un PC semplicemente aprendo una scheda su Chrome sarà disponibile a partire dal 2020. Durante l’evento non è stato fatto alcun cenno di una possibile compatibilità con Android TV.

Ciò fa pensare ad un lancio anticipato del servizio che ha costretto ad una revisione dei piani almeno per quanto riguarda la possibilità di giocare tramite il browser di Google. Durante l’ultima diretta inoltre non è stata fatta menzione alcuna sull’integrazione tra Youtube e Stadia.


SERVIZIO NUOVO, FRUIZIONE “VECCHIA”

Stadia: perché la poposta di Google non convince - Evosmart.it | Games
PlayStation Now e Xbox Game pass tramite abbonamento consentono l’accesso all’intero parco titoli dei due servizi

In molti, compreso me, si sarebbero aspettati da parte di Google l’introduzione di un catalogo “alla Netflix“. La possibilità ovvero di poter, tramite il pagamento di un abbonamento, accedere ad un catalogo di titoli vario ed in continua espansione, magari con la possibilità di iscriversi comunque gratuitamente potendo comprare i singoli giochi (come in effetti succederà con Stadia base). Invece Google ci ha sorpreso ma in negativo.

L’abbonamento Stadia Pro di fatto vi darà accesso all’esperienza “completa” di Stadia con la possibilità (connessione permettendo) di sfruttare il 4K HDR a 60 fps, fin qui nulla di strano. I giochi invece non saranno tutti accessibili, ma avremo a disposizione di volta in volta la possibilità di sfruttare dei titoli gratuiti che verranno aggiornati regolarmente. Il lancio al momento prevede solamente Destiny 2 come gioco gratis per gli utenti Pro. Tutti gli altri giochi invece andranno acquistati a prezzo pieno o tramite alcuni sconti esclusivi per gli utenti Stadia Pro. Un po’ poco considerando che stiamo pagando un abbonamento (nemmeno tanto economico in realtà). Gli stessi PlayStation Plus e Xbox Live Gold offrono ogni mese due/quattro giochi gratis e l’abbonamento mensile continua a costare meno di quello di Stadia Pro.

È vero che “risparmiamo” sull’acquisto di una console, ma esse possono vantare esclusive first party di peso e un parco titoli ben più ampio, per non parlare dei vari store presenti su PC (qualcuno ha detto Steam?). Inoltre in un anno Stadia Pro costerà all’utente 119,88€ contro i 59,99€ dei servizi della concorrenza. Ne vale davvero la pena?


A CHI È RIVOLTO STADIA?

Stadia: perché la poposta di Google non convince - Evosmart.it | Games
Stadia: perché la poposta di Google non convince

Difficilmente Stadia riuscirà a convincere chi attualmente possiede una console o un PC. L’unica vera attrattiva al momento sembra essere la possibilità di sfruttare il 4K HDR a 60 fps senza dotarsi di un hardware che attualmente in ambito pc è molto costoso, questo sempre a patto di avere una connessione internet adeguata. Potrebbe far breccia in chi non è mai stato realmente interessato all’acquisto di una console, aprendosi quindi ad una nuova fetta di utenza spinta dalla curiosità.

Ovviamente le rivali non se ne staranno con le mani in mano e già tra poche ore Microsoft potrebbe portare sul palco del E3 2019 il suo Project xCloud. Riuscirà Stadia a imporsi divenendo una nuova realtà del mercato videoludico?

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più