PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console?
Gaming Mobile Nintendo PC Playstation XBOX

PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console?

STIMA TEMPO DI LETTURA: 11 min

Quante volte avete sentito parlare di “fine delle console” o “PS4 e XBOX ONE saranno le ultime console perchè poi useremo il cloud“. Ogni anno ci provano e poi gli tocca aggiustare il tiro. Ora indovinate un po’? Secondo Cristiano Amon, presidente di Qualcomm, PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console prima di fare spazio alle proposte in streaming.

Lo smartphone e i videogame

Certo è vero, negli ultimi tempi la modalità di fruizione dei videogame è cambiata parecchio. Si potrebbe affermare che la nascita dello smartphone abbia portato i videogiochi al di fuori delle mura domestiche in maniera diversa da come eravamo abituati a conoscerli. Ovviamente esistevano già console portatili come la PSP (PlayStation Portable) e i Nintendo DS. Ma la formula era la solita. Compro la console. Compro il gioco tramite la cartuccia o il dischetto e gioco dove e quando voglio. Dovevamo solo preoccuparci di avere sempre le batterie cariche.

PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console?
PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console? | Evosmart.it

Con smartphone e tablet tutto è cambiato. Quanti di voi acquistano giochi su smartphone e tablet? Credo che se lo facciate, siete rimasti in pochi. Oramai esistono modi alternativi, per gli sviluppatori, di guadagnare. Basta aggiungere qualche pubblicità e prendere soldi con gli annunci. Oppure chiedere on obolo “una tantum” per rimuoverle. In questo periodo nascono moltissimi free-to-play con i cosiddetti acquisti in-app, salvataggi in cloud e la possibilità di giocare allo stesso gioco da diversi dispositivi. Ovunque noi siamo.

Ma la cosa che accomuna i giochi per smartphone è il fatto che in realtà non hanno mai decretato la fine delle console, come spesso è stato auspicato. Vuoi perchè la qualità rispetto al PC o alla console è nettamente inferiore. Vuoi perchè, diciamocelo, giocare con il touchscreen non è come giocare con un pad.

Il fenomeno Netflix

Se vi state chiedendo cosa c’entrino servizi di streaming video quali Netflix e Amazon Prime Video, vorrei che vi chiedeste che fine abbia fatto BlockBuster. Era il colosso del noleggio di VHS, CD, DVD e forse anche degli ultimi Blu-Ray. Ma non sono sicuro che abbia fatto in tempo a vederli. Perchè la possibilità di poter godere dei video in streaming su internet ha distrutto quel mercato fisico in favore di quello astratto e digitale. E la ricetta è la stessa di quella dei videogiochi per smartphone, con una piccola differenza. Un canone mensile o annuale, e la possibilità di vedere tutto quello che vogliamo, quando vogliamo e dove vogliamo (smartphone, tablet, PC, TV o console).

Leggi anche: Netflix: correzioni in arrivo per l’adattamento di Neon Genesis Evangelion

L’arrivo di Google Stadia

E poi arriva Google, la società dai mille volti. E soprattutto dai mille servizi. Tanti longevi e utilizzati da mezzo mondo, e tanti altri sconosciuti e già morti e sepolti. Ma è sempre Google, e quando entra in un nuovo mercato fa’ sempre un gran parlare di sé. E in questo caso Google Stadia vuole rivoluzionare un mercato e un settore, quello dei videogiochi, che già negli ultimi anni si stava già aprendo al cloud gaming con svariate soluzioni proprietarie.

Ma apriamo prima una parentesi.


PlayStation Now è appena arrivato in Italia, ma esiste dal 2014. Offre tutto il meglio dei vecchi giochi PlayStation 2 e PlayStation 3,  insieme a molti titoli PlayStation 4. Il servizio è disponibile sia su console (PlayStation 4) che su PC Windows. Con possibilità di scaricare il gioco e giocare in locale fino al 4K HDR su PS4 Pro e i titoli PS4. Se no per ora bisogna accontentarsi dei 720p in streaming su PC per tutti titoli. Ma all’estero si può giocare da tempo a risoluzione FHD (1080p).
In più con l’app Remote Play di Sony è possibile giocare tramite un controller e un’altro dispositivo (smartphone o tablet) in streaming dalla propria PlayStation 4 a casa.
Il servizio richiede almeno 5 Mbps per funzionare.

PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console?
PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console? | Evosmart.it

GeForce Now è il servizio offerto da nVidia per giocare da PC, Mac o Shield TV a qualsiasi titolo nel catalogo senza l’obbligo di dover spendere migliaia di euro per avere risoluzioni 4K e dettagli alti. E se non ti bastano i 60 fps sappi che nVidia offre anche 120 fps o più con una latenza bassissima.
Inoltre il servizio è compatibile sia con i controller cablati per XBOX 360 e XBOX ONE (i più usati su PC), che con il Dualshock 4 di Sony in modalità USB o Bluetooth.
Il servizio richiede almeno 15 Mbps per garantire la risoluzione 720p 60 fps, oppure 25 Mbps per la risoluzione 1080p a 60 fps.

Project xCloud è la soluzione proposta da Microsoft in risposta a Sony e nVidia. Anche l’azienda di Redmond ha in mente di mettere su qualsiasi dispositivo vogliate usare l’intero parco titoli delle esclusive XBOX ONE. Insieme a Google Stadia, sono gli unici a non essere ancora stati rilasciati sul mercato. Sappiamo però che richiederà almeno 10 Mbps, e che il target dell’azienda è di portare il 1080p 60 fps nelle mani dei giocatori. Inoltre sarà disponibile, come per PlayStation Now, su console e PC, ma anche su smartphone e tablet.
Secondo altre indiscrezioni avrà un ruolo importante nella line-up di XBOX Scarlett.


Torniamo dunque a Stadia. Perchè è più importante di quelli sopra citati? Perchè il mondo (di blogger e youtuber che parlano di videogame) sembra essersi fermato durante e dopo la presentazione di Google?

Beh… come detto quando si muove Google fa’ sempre molto scalpore. Ma quello che fa’ scalpore è sapere che sarà possibile collegarsi da qualsiasi dispositivo si voglia e c’è anche l’integrazione con Chrome e YouTube. SI può passare da vedere un video di gameplay a giocare contro lo youtuber in questione. In più Google ha investito veramente molto in questo servizio e vanta già collaborazioni di tutto rispetto: AMD (i server sui cui gira Stadia sono interamente composti da componentistica AMD per quanto riguarda CPU e GPU), Unity, Havok, Visual Studio, Vulkan, Unreal Engine, Cryengine e molti altri.

PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console?
PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console? | Evosmart.it

Poi c’è il fattore potenza e aggiornamenti. Stadia non essendo una console fisica non ha bisogno di una Stadia 2 o 3, quando quella odierna non sarà più in grado di far girare i giochi con gli standard che Google fisserà. Basterà fare un upgrade ai server e concedere più banda e potenza all’utente finale. Per quanto riguarda la potenza, Stadia ne ha da vendere per ora. Perchè se il 4K 60 fps è il target odierno, nel futuro prossimo Stadia sarà già pronta per l’8K e i 120 fps. Vi basti pensare che ogni utenza Stadia potrà contare su 10.7 Teraflops di potenza grafica e 16 GB di memoria RAM dedicata.

PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console?
PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console? | Evosmart.it

La prossima generazione di console

Quindi tornando a noi. Le prossime console da gioco classiche, che sappiamo essere già in fase di sviluppo o meglio in fase di rifinitura per un imminente lancio durante la fine dell’anno o l’inizio del prossimo, saranno veramente le ultime e lasceranno il campo alle proposte in streaming o le console casalinghe come le conosciamo esisteranno ancora nell’immediato futuro dopo PS5 e XBOX Scarlett?

Leggi anche: Tutte le caratteristiche spoilerate da Sony su PS5

Beh sicuramente le prossime proposte di Microsoft e Sony godranno di quello che è stato seminato negli ultimi vent’anni e passa dalle due aziende. Le esclusive si sa, sono quelle che tengono attaccati i giocatori alle console ormai. E lo sa benissimo anche Nintendo, che oramai ha deciso di non provare neanche a battagliare ad armi pari con PlayStation e XBOX. Ma concentrandosi sulle sue IP, sa che se la gente vuole Mario e Zelda, una delle loro console deve essere per forza di cose acquistata. E lo sanno bene anche Microsoft (meno) e Sony (decisamente). Ormai la guerra è passata a cercare di acquistare più software house possibili o avversarie, per accaparrarsi più esclusive possibili. Perchè una console senza esclusive è una console morta.

Ma questo vale anche per i servizi. Netflix ha le sue serie in esclusiva. Amazon Prime Video ha le sue. PlayStation Now ha i classici Sony e le ultime esclusive. E anche Google ha affermato che Stadia avrà le sue esclusive. Perchè anche un servizio senza esclusive (ad oggi) è un servizio morto.

Il futuro e il passato dei videogame

Quindi videogiocatori non preoccupatevi. Godetevi le vostre esclusive su qualsiasi dispositivo o servizio vogliate. L’importante sarà continuare ad avere la scelta. Ma ricordatevi che una console fisica con un gioco su supporto ottico o cartuccia andrà anche se spegneranno i server del gioco.

Se invece il gioco che state giocando non avrà il successo sperato dagli sviluppatori, i gestori del servizio potrebbero decidere di spegnere il vostro divertimento prima del dovuto. Perchè ci sarà sempre la categoria di giocatori che preferisce i giochi vecchia maniera, single player con connessione internet non necessaria. E ci saranno sempre quelli che se non possono giocare con il team dalla parte opposta del globo non sono contenti.

Ma se per un gioco multiplayer online è normale che dopo un po’ vengano chiusi i server, questo sarebbe meglio che non succedesse per i giochi che fanno del single player la loro natura.

Quindi quello che penso che saranno le console di prossima generazione, e probabilmente proprio a partire da PlayStation 5 e Xbox Scarlett, sono delle console ibride. Ovvero console pensate per poter giocare sia nella modalità classica, ovvero che mi compro il gioco digitale o fisico e ci gioco quando mi pare, che tramite i vari servizi di streaming.

Poi magari in un futuro, quando le connessioni lo permetteranno, le console potranno anche solo essere dei soprammobili con un antenna wifi e il logo della nostra azienda preferita. Capaci solo di permetterci di giocare tramite un pad o la VR ai giochi solo in streaming. Ma questo non è il momento.

PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console?
PS5 e XBOX Scarlett saranno le ultime console? | Evosmart.it

Perchè? Te vuoi dirmi che riguardando la tua bella collezione di dischi sulla mensola, non ti è mai passato per la mente di rigiocare il tuo gioco preferito?

Via

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più